Bruxismo

E’ un digrignamento involontario e rumoroso dei denti abbastanza diffuso, specialmente durante il sonno.
Si stima che circa il 10% della popolazione soffra di questo disturbo che porta ad un’evidente usura dei denti – con possibilità di scheggiamento dello smalto - abbinata a dolori alla mandibola, alle orecchie e alla testa.

Le cause del “bruxismo” non sono del tutto note. Tra i fattori di rischio predisponenti compaiono: gengivite, malnutrizione, disturbi del sistema endocrino, allergie, risposte immunitarie alla presenza di parassiti nell’organismo, consumo di alcool, consumo di caffeina, fumo, ansia e stress, depressione.

Il “bruxismo” può essere notturno e diurno (più raro). Quello notturno, per il quale una delle soluzioni indicate è il “bite” - dispositivo in resina collocato tra l’arcata superiore e quella inferiore così da minimizzare l’usura dei denti e le problematiche del serramento sui muscoli ed i legamenti -  si ripete più volte durante il sonno ed ogni episodio ha una durata variabile compresa tra i 5 ed i 10 secondi.

La prima “diagnosi” di “bruxismo” è riferita da chi dorme accanto al partner e si accorge del digrignamento per via del “rumore” prodotto ad intervalli regolari.  Lo specialista in Odontoiatria nell’osservare la superficie dei denti noterà le cosiddette “faccette di usura” provocate dallo sfregamento involontario.
Non trovi la patologia che stai cercando?
Clicca qui