Neuropatia

Alterazione della funzionalità dei nervi periferici, con conseguenti difficoltà motorie e/o anomalie sensoriali.

Le neuropatie possono avere molteplici cause e colpire diversi tipi di nervi, sia quelli responsabili del movimento volontario e involontario (nervi motori e nervi autonomici), sia quelli preposti alla percezione sensoriale (nervi sensoriali). L’origine può essere legata a fattori ereditari oppure a infezioni da virus o batteri, traumi, trattamenti terapeutici errati.  

Più comunemente, le neuropatie insorgono in seguito ad altre patologie, come l’insufficienza renale, il diabete, le malattie del fegato.

La neuropatia diabetica ha un’alta incidenza presso i pazienti diabetici ed è dovuta all’innalzamento prolungato della glicemia, che provoca l’alterazione del rivestimento delle fibre dei nervi periferici.

Il paziente può accusare difficoltà motorie sia a carico degli arti superiori, con crescenti difficoltà nei movimenti di precisione di mani e dita, sia di quelli inferiori, con deambulazione compromessa e potenziale rischio di cadute improvvise. Nel caso in cui siano colpiti i nervi sensori, possono verificarsi ipersensibilità o insensibilità al dolore e agli stimoli fisici, formicolii, torpore, sensazione di punture di spillo o freddo a un arto, bruciore. Possono inoltre verificarsi riflessi alterati e cali di forza. L’intensità dei sintomi può variare anche notevolmente nell’arco della stessa giornata. Se ad essere colpiti sono i nervi preposti al movimento involontario, possono verificarsi complicazioni anche a livello del sistema cardiovascolare.

I sintomi più comuni di neuropatia diabetica sono la caduta della palpebra superiore (ptosi), vista sdoppiata (diplopia) e paresi facciale laterale quando a essere interessati sono i nervi cranici.

Se ad essere colpiti sono invece i nervi spinali, possono manifestarsi disturbi alla sensibilità degli arti inferiori come formicolii e diminuzione della sensibilità tattile, termica e dolorifica, oppure sensazioni di bruciore a gambe e piedi. In alcuni casi, la diminuita percezione del dolore può produrre come complicazione il piede diabetico. Infine, se sono colpiti i nervi autonomici possono insorgere stipsi o diarrea, alterazioni della frequenza cardiaca, svenimenti e capogiri, compromissione della funzione erettile e disturbi alla vescica.

Esami di sangue e urine, biopsia, puntura lombare ed elettromiografia (EMG), che consente di valutare la velocità dello stimolo lungo le fibre nervose, sono gli accertamenti che permettono di diagnosticare il disturbo.
Non trovi la patologia che stai cercando?
Clicca qui